Riflessioni

Per riflettere

Discorso del Papa Francesco ai ragazzi della Diocesi di Brescia

Gesù è molto chiaro. Dice: «Se uno vuole venire dietro a me – cioè con me, dietro di me – rinneghi sé stesso». Perché usa questa parola che suona un po’ brutta, “rinnegare sé stessi”? In che senso va intesa? Non vuol dire disprezzare quello che Dio stesso ci ha donato: la vita, i desideri, il corpo, le relazioni… No, tutto questo Dio lo ha voluto e lo vuole per il nostro bene. Eppure Gesù chiede a chi vuole seguirlo di “rinnegare sé stesso”, perché c’è in ognuno di noi quello che nella Bibbia si chiama l’“uomo vecchio”: c’è un “uomo vecchio”, un io egoistico che non segue la logica di Dio, la logica dell’amore, ma segue la logica dell’egoismo, mascherato spesso da una facciata buona, per nasconderlo. Voi conoscete tutte queste cose, sono cose della vita. Gesù è morto sulla croce per liberarci da questa schiavitù dell’uomo vecchio, che non è esterna, è interna. E’ il peccato, che ci fa morire dentro. Solo Lui, Gesù, può salvarci da questo male, ma c’è bisogno della nostra collaborazione, che ognuno di noi dica: “Gesù, perdonami, dammi un cuore come il tuo, umile e pieno d’amore”.

Sapete? Una preghiera così, Gesù la prende sul serio! Sì, e a chi si fida di Lui regala esperienze sorprendenti. Sentirsi attirati a partecipare alla Messa, per un giovane non è molto comune, non è vero? E invece si sente il desiderio di stare con Dio, di rimanere in silenzio davanti all’Eucaristia. Oppure Gesù ci fa sentire la sua presenza nelle persone sofferenti, malate, escluse… Pensate a cosa avete sentito quando avete fatto qualcosa di buono, nell’aiutare qualcuno. Non è vero che avete sentito un respiro bello? Questo lo dà Gesù. È Lui che ci cambia, è proprio così. Tutte queste cose sono doni suoi – sono doni suoi! – che ci fanno sentire sempre più vuoti di noi stessi e sempre più pieni di Lui.

I santi ci dimostrano tutto questo. San Francesco d’Assisi: era un giovane pieno di sogni, ma erano i sogni del mondo, non quelli di Dio. Gesù gli ha parlato nel crocifisso, nella chiesetta di San Damiano, e la sua vita è cambiata. Ha abbracciato il sogno di Gesù, si è spogliato del suo uomo vecchio, ha rinnegato il suo io egoistico e ha accolto l’io di Gesù, umile, povero, semplice, misericordioso, pieno di gioia e di ammirazione per la bellezza delle creature. Cari ragazzi e ragazze, vi ringrazio di questa visita, che mi dà gioia, tanta gioia. Grazie! Il Signore vi benedica e la Madonna vi accompagni nel cammino. La vita è un cammino! Bisogna camminare... E mi raccomando: non dimenticatevi di pregare per me. Grazie!                                                                                                                

                                                                                                                             Papa Francesco